Informazioni personali

La mia foto
Ilaria Vecchietti, autrice del racconto "L'ultima chance...", e dei romanzi fantasy "L'Isola dei Demoni" e "L'Imperatrice della Tredicesima Terra".

giovedì 23 gennaio 2020

Conosci il Blog... Libri in pantofole

Conosci il Blog...
Libri in pantofole


Buongiorno lettori,
eccomi con una nuova puntata della rubrica: "Conosci il Blog...".
(Per chi non la conoscesse, presento i blog che frequento con un'intervista diretta ai loro blogger per conoscerli meglio).

Oggi conosciamo "Libri in pantofole" (https://librinpantofole.blogspot.com/).
Si tratta di un book blog molto carino gestito dBarbara... quindi diamole un grande Benvenuto ed eccovi l'intervista per conoscere meglio lei e il suo blog.
- Raccontaci di te.
Mi chiamo Barbara, ho 39 anni e lavoro come redattrice e copywriter. 
Vivo nella provincia fiorentina assieme al mio "gattaccio" Silver (sono gattara nell'animo) e amo tantissimo il rock e i libri.

2 - Quando e perché hai aperto il tuo blog?
Ho aperto il blog ormai nel lontano 2012, per hobby, con il desiderio di condividere quelle che sono le mie passioni più grandi: appunto i libri e la musica.

3 - Di cosa parli in prevalenza nel tuo blog?
Nel blog ci sono per lo più recensioni dei libri che leggo, segnalazioni di quelli che voglio leggere e alcuni post dedicati a musica e viaggi.

4 - Con quale frequenza ti occupi del tuo blog?
Purtroppo non con la frequenza che vorrei. Da quando lavoro in pianta stabile diventa sempre più difficile stare dietro a queste pagine, anche perché io sono una che non programma, scrive di getto. Inoltre, visto il mio lavoro passo buona parte della giornata al pc per cui quando alla sera torno a casa spesso non ho proprio la testa per mettermi di nuovo davanti al computer.
Cerco comunque di scrivere almeno un post alla settimana, anche perché "Libri in pantofole" è diventato il mio diario di bordo e registro lì tutte le mie letture.

5 - Prepari in precedenza i tuoi post, seguendo magari una scaletta settimanale, o scrivi di getto quando capita?
Come dicevo sopra, tendo a scrivere di getto. È proprio questo che mi piace, la possibilità di esprimermi in libertà... ^^ Programmo già troppo durante la settimana.

6 - C'è qualcosa che hai imparato grazie al tuo blog?
Che anche gli hobby e le passioni richiedono tanta fatica e tanta cura ^^ 

7 - Cosa consigli a chi vorrebbe aprire un blog?
Gli consiglierei di concentrarsi sulle cose che più gli piacciono, ciò in cui meglio può esprimere se stesso, prima di prefiggersi altri obiettivi. Spesso la fretta, il desiderio di raggiungere numeri e visibilità, allontana da ciò che più conta condividere passioni, idee, emozioni.

8 - Hai mai pensato di chiudere il tuo blog? Se sì, perché?
Ci ho pensato, nei momenti di stanchezza e stress ma anche in momenti in cui non mi sono riconosciuta nel mondo della blogosfera. Adesso ho trovato il mio equilibrio e quello perseguo :-D

9 - C'è un blog – di qualsiasi tipo – che consigli? Se sì, perché?
Ce ne sono tanti! Ma il primo che mi viene in mente è il blog della McMusa che racconta l'America e la sua letteratura. Io sono un'appassionata e sul suo blog ho sempre trovato spunti e letture interessanti. 

10 - Dove possiamo contattarti (e- mail, pagine social, ecc.)?
Be' mi trovate sul blog ovviamente ma anche su Facebook e Instagram ah e ovviamente su Goodreads. A dire il vero non utilizzo moltissimo Facebook, preferisco di gran lunga Instagram, forse perché lì riesco a trovare più spunti e interessi.


Grazie Barbara per aver partecipato a questa rubrica, ne sono molto contenta... e spero che siate contenti anche voi lettori.
Se non conoscevate questo blog vi consiglio di andare a visitarlo, trovate tanti bei post sui libri.


Buona lettura!

mercoledì 22 gennaio 2020

Segnalazione: Ugo Forno Il partigiano bambino di Felice Cipriani

Segnalazione:
Ugo Forno
Il partigiano bambino

di
Felice Cipriani



Buongiorno lettori,
eccovi il romanzo: "Ugo Forno. Il partigiano bambinodi Felice Cipriani, edito da Diarkos.


Biografia:
Felice Cipriani, giornalista free lance, è autore di numerosi libri sulla “Memoria”. E’ il biografo ufficiale di Ugo Forno e coordinatore dell’associazione a lui dedicata.



Genere: Biografia
Editore: Diarkos
Data di pubblicazione: 25 giugno 2019
Numero pagine: 160
Prezzo ebook: 9,99
Prezzo cartaceo: 15,00€
Link per l'acquisto su Amazon: 






Sinossi:
In soccorso dei soldati della Wehrmacht arriva un plotone motocorazzato che inizia a sparare granate. Una di queste colpisce il piccolo eroe che stramazza al suolo morente.A quel punto i tedeschi abbandonano la loro missione strisciando sull’erba e si portano sulla strada, ove li attendono due camionette e fuggono verso la via Salaria. Due carri armati americani li incalzano lungo la strada consolare. Il ponte sull’Aniene rimane intatto, con le micce dell’esplosivo che penzolano inutili.

Questa è la storia di Ugo Forno, giovane studente romano che il 5 giugno del 1944, mentre Roma festeggiava la liberazione dall’occupazione nazifascista, si mobilitava con altri giovani per impedire a soldati tedeschi di distruggere il ponte sull’Aniene, essenziale per permettere l’avanzata degli Alleati. Egli, di appena dodici anni, assieme ai suoi compagni, predispose l’azione con le armi per impedire che i sabotatori portassero a compimento l’azione. Ciò che più colpisce nell’ultimo giorno di Ugo Forno è la perfetta comprensione dell’importanza e la presa di coscienza del momento storico che stava vivendo, e di cui diventa straordinario protagonista senza un attimo di esitazione.


Vi lascio anche il comunicato stampa:
Ugo Forno, un eroe di 12 anni

Non ha pensato alla sua vita: quando ha capito che bisognava intervenire per il bene di tutti, non ha esitato, arrivando al sacrificio estremo. La storia di un giovanissimo eroe è raccontata in “Ugo Forno. Il partigiano bambino”, scritto dal biografo ufficiale Felice Cipriani, edito da Diarkos (scheda in allegato).

“Dotato di intelligenza vivace e pronta, piena di amor proprio, ha saputo conseguire un brillante risultato. Profilo vivace, intelligente, viene a scuola con entusiasmo. È felice se può dimostrare che sa. Pieno di buona volontà, un po' troppo irrequieto, ma buono e generoso”.
Queste sono le parole dell'insegnante di Ugo Forno per la promozione alla III classe. Classe che, nonostante il suo amore per la scuola, non frequenterà perché Ugo Forno morirà da eroe a soli 12 anni, il 5 giugno 1944, in una delle ultime azioni della Resistenza romana. Una storia che può far riflettere tanti ragazzi di oggi, che hanno come solo riferimenti personaggi di reality show o delle piattaforme social.

Nel libro Ugo Forno. Il partigiano bambino (edito da Diarkos), Felice Cipriani, giornalista, biografo ufficiale di Forno e coordinatore dell'associazione a lui dedicata, racconta la storia del piccolo grande eroe, tracciando un vivido spaccato di quegli anni di guerra e privazioni.
L'autore racconta una Roma che ora può sembrare inverosimile, in cui i ragazzini giocavano nei campi vicino alle case, in cui all'esultanza per l'armistizio dell'8 settembre del 1943, subentrano la paura e le privazioni di una dura battaglia per scacciare le truppe tedesche dalla Capitale.
Ugo Forno è solo una ragazzino, ma si rende conto del momento storico che sta vivendo e sente forte l'impegno dei genitori per nascondere i soldati italiani dalle ritorsioni delle truppe nemiche, anche a rischio della loro vita.

Così quel 5 giugno del 1944, quando capisce che è arrivato il momento di entrare in azione, Ugo Forno non ha esitazioni. Le truppe Alleate stanno entrando a Roma. Il dodicenne vede i tedeschi che stanno posizionando l'esplosivo sul ponte dell'Aniene per farlo saltare. Si tratta di una via di comunicazione essenziale per l'avanzata degli Alleati: bisogna impedire quel sabotaggio. Ugo Forno lancia l'allarme, imbraccia le armi nascoste in una grotta e, insieme a un piccolo gruppo di contadini, comincia a sparare, costringendo i tedeschi a rinunciare all'impresa. Ma nel combattimento una scheggia sollevata da un colpo di mortaio lo colpirà al cuore, uccidendolo.
Il corpo del dodicenne è stato avvolto nel Tricolore italiano, perché tutti i presenti hanno fin da subito testimoniato l'eroico coraggio di Ugo Forno. Un piccolo eroe che per lungo tempo è stato dimenticato, se consideriamo che la Medaglia d'Oro alla Memoria gli è stata conferita solo nel 2013.
L'obiettivo del libro di Cipriani è proprio quello di far conoscere la storia di Ugo Forno, soprattutto alle nuove generazioni, che tanto hanno bisogno di esempi positivi.


Deve essere molto interessante, non trovate?

Buona lettura!

Segnalazione: Eabel Gli uomini del destino di Fabio Erré

Segnalazione:
Eabel
Gli uomini del destino

di
Fabio Erré 



Buongiorno lettori,
nuovo romanzo edito Genesis Publishing: "Eabel - Gli uomini del destino" di Fabio Erré .


Biografia:
Fabio Erré è un libero professionista della provincia di Milano, diplomato in Elettronica e Telecomunicazioni e laureato alla facoltà di Scienze Naturali, presso l’Università degli Studi di Milano. Romanticismo, fantasia e voglia di avventura, hanno camminato a pari passo nella sua vita e nella scrittura ha trovato la chiave per poter liberare tutti quei sentimenti ed emozioni che incessantemente bussano alla sua mente e al suo cuore.
Nel 2013, sotto lo pseudonimo di Fabio Erré, ha pubblicato la sua prima opera, un romanzo rosa intitolato Respira e cerca di essere felice, di cui è molto orgoglioso. Attraverso molteplici poesie intrecciate tra loro, ha voluto raccontare una storia d'amore, in tutte le sue fragilità. Nel 2014, quasi per gioco, ha trasformato in un romanzo erotico una serie di racconti, scritti con ironica leggerezza, La rivincita di Laura. Nel 2017 pubblica una raccolta di poesie, Pensieri al tramonto, il cui tema principale è l'amore nelle sue diverse sfaccettature. Infine, attraverso il suo ultimo lavoro, Eabel - Gli uomini del destino, racconta una storia in cui sentimenti ed emozioni come l’amicizia, l’amore, la generosità e l'altruismo si scontrano con la parte più scura dell'animo umano.



Genere: romanzo Futuristico / Fantastico
Editore: Genesis Publishing
Data di pubblicazione: 5 luglio 2019
Numero pagine: 220
Prezzo cartaceo: 10,60€
Prezzo ebook: 3,99€
Link per l'acquisto su Amazon: 






Sinossi:
«Siamo tutti legati gli uni gli altri, nessuno è mai veramente solo e nessuno
è mai veramente uno sconosciuto.»
Gli avvenimenti che accadono, che sono accaduti e che accadranno, sono veramente frutto del caso? Fine del XXI secolo, il pianeta è come se fosse diviso geopoliticamente in due parti. Da un lato ci sono le sfarzose e tecnologicamente avanzate megametropoli, le Capitali, dall’altra c’è il resto del mondo. In questo scenario di labile equilibrio sociale, una ormai diffusa pandemia sta mietendo milioni di giovani vittime. John Myers, giornalista di una famosa rivista, riceve uno strano invito: il misterioso Evan Keller gli promette che svelerà gli oscuri segreti che si celano dietro l’opulenza delle maestose Capitali. In realtà John da quell’incontro otterrà molto di più che un importante scoop giornalistico. Scoprirà che il passato di quell’uomo enigmatico è fortemente intrecciato con i suoi antenati e il suo presente. Attraverso un intricato racconto di violenze, di amori, di amicizie e di tristi avvenimenti, Evan rivelerà a John l’esistenza di entità sovrannaturali. Creature nate dalla continua lotta interiore tra bene e male, bisognose di nutrirsi delle emozioni umane per assicurarsi la sopravvivenza.
Chi sono gli Eabel? Come e perché incidono nella vita degli altri esseri umani? Evan farà a John rivelazioni sconcertanti, tali da far nascere nel giornalista la consapevolezza del perdono e la speranza per un futuro migliore.



Mi ispira molto... e a voi?

Buona lettura!

martedì 21 gennaio 2020

Conosci il Blog... The Nerd's family

Conosci il Blog...
The Nerd's family


Buongiorno lettori,
eccomi con una nuova puntata della rubrica: "Conosci il Blog...".
(Per chi non la conoscesse, presento i blog che frequento con un'intervista diretta ai loro blogger per conoscerli meglio).

Oggi conosciamo "The Nerd's family" (https://thenerdsfamily.com/).
Si tratta di un bel blog di intrattenimento gestito dun gruppo di amici... quindi diamoli un grande Benvenuto ed eccovi l'intervista per conoscere meglio loro e il loro blog.



- Raccontateci di voi.
Siamo un gruppo di amici che un giorno ha deciso di aprire una pagina. Tutto è iniziato così. Tanti se ne sono andati, tanti si sono aggiunti... fino a creare un blog che recentemente si è trasformato in un sito. Piccoli passi per nuovi inizi. 

2 - Quando e perché avete aperto il vostro blog?
Tutto è nato perché volevamo assistere alle anteprime cinematografiche, la cosa però ci è decisamente sfuggita di mano - calcolando che abbiamo una rubrica per ogni giorno della settimana, con annesso articolo giornaliero. 

3 - Di cosa parlate in prevalenza nel vostro blog?
Ci occupiamo di libri, videogiochi, fumetti, serie tv/film, novità nel mondo nerd e mitologia. Ecco, mitologia è una nuova rubrica di quest'anno - partita a maggio - su cui stiamo puntando molto. 

4 - Con quale frequenza vi occupate del vostro blog?
Quotidianamente. Io, Poison El, mi occupo della correzione degli articoli e di scriverne almeno uno a settimana nella rubrica "news" o "giovedìserie"; il Nabbo della Porta Accanto si occupa della rubrica fumetti - difatti il "mercoledìheroes" o "supereroisupersconosciuti" sono sue rubriche; Vy si occupa di libri e ha creato le "Recensioni della family"; Lyra si occupa del "martedìgames" con le novità nel mondo dei videogiochi; Shadow gestisce "shadowslaboratory" - un piccolo manualetto che consiglia come impostare i mazzi dei vari game's card - e scrive un articolo a settimana per la rubrica "giovedìserie"; "Mitologiamo" e di Hime e pubblica un articolo a settimana la domenica; Eleven's Eggo pubblica soprattutto nella rubrica "news". Diamo tutti un contributo alla rubrica "intervistiamo" se c'è qualcuno che lo richiede.
Siamo un'ottima squadra!

5 - Preparate in precedenza i vostri post, seguendo magari una scaletta settimanale, o scrivete di getto quando capita?
Abbiamo rubriche giornaliere: "Lunedì Libri", "martedi games", "mercoledì heroes", "giovedì serie", "news" o "intervistiamo", "shadow's Laboratory" e "Mitologiamo". Cerchiamo sempre di preparare prima gli articoli e di programmarli in precedenza, ma con "martedì games" è difficile: la rubrica si basa sulle novità. 

6 - C'è qualcosa che avete imparato grazie al vostro blog?
Cerchiamo sempre di dare un parere oggettivo di quello che recensiamo e non è sempre facile. Inoltre, programmare è un ottimo escamotages, così in caso di novità non dobbiamo scrivere tanti articoli... ma solo uno!

7 - Cosa consigliate a chi vorrebbe aprire un blog?
Circondatevi di persone di cui vi fidate e divertitevi!

8 - Avete mai pensato di chiudere il vostro blog? Se sì, perché?
Mai.

9 - C'è un blog – di qualsiasi tipo – che consigliate? Se sì, perché?
10 - Dove possiamo contattarvi (e- mail, pagine social, ecc.)?
La mail è familythenerds@gmail.com, siamo su instagram, su Fb page, su Fb Group e Sito Web.
Vi aspettiamo!


Grazie The Nerd's family per aver partecipato a questa rubrica, ne sono molto contenta... e spero che siate contenti anche voi lettori.
Se non conoscevate questo blog vi consiglio di andare a visitarlo, ci sono molte rubriche interessanti.
Per ultimo vi lascio anche il comunicato stampa di presentazione che mi hanno inviato.

La Nerd’s family è una piccola community che tratta di svariati argomenti, tra cui: serie tv, film, fumetti, videogiochi e libri. L‘ultimo giorno del mese lo dedichiamo a “L’Editoriale”, una rubrica riguardante eventi/ricorrenze nel corso della storia. Siamo attivi sul web, grazie al nostro sito che è costantemente aggiornato, su ko-fi, su facebook, su twitter e su instagram. Siamo un team in continua evoluzione e attenti alle novità.
Nel nostro staff abbiamo figure professionali che si occupano sia della correzione di bozze, sia della grafica e sia dell’impaginazione. Partecipiamo ad anteprime stampa e fiere del settore. Attenti alla CEO, siamo costantemente attivi e ci impegniamo a pubblicare almeno un articolo ogni giorno.


Buona lettura!