Informazioni personali

La mia foto
Ilaria Vecchietti, autrice del racconto "L'ultima chance...", e dei romanzi fantasy "L'Isola dei Demoni" e "L'Imperatrice della Tredicesima Terra".

mercoledì 24 aprile 2019

Segnalazione: Il garzone del boia di Simone Censi

Segnalazione:

Il garzone del boia

di
Simone Censi



Buong
iorno lettori,
oggi vi segnalo il romanzo "Il garzone del boia" di Simone Censi, autore con un ricco curriculum letterario.


Biografia:
Marito e padre. Nato nel '78 a Fabriano (AN) residente a Corridonia (MC). Laureato in Scienze Politiche e Giurisprudenza. Impiegato. Ho all’attivo numerose pubblicazioni in rete e su varie antologie di poesia e narrativa, tra le quali: Secondo posto al Premio Internazionale Il Labirinto con il racconto “Riflesso tonico labirintico” (2008). Terzo posto al Premio Lupo con il racconto “L’anabasi dell’uomo moderno” (Faeto - 2009). Finalista del concorso nazionale E-Scrivo e pubblicazione della raccolta di racconti “Ghost Hunter – Il metodo Gallagher” (D’Accolti-2012). Vincitore del concorso nazionale FantaExpo con il racconto “La lettera del Male” (Salerno – 2012), vincitore del Premio Write-Aids con la poesia “Viandanti smarriti” (Ferrara – 2012). Terzo posto al concorso Tuttiscrittori con il racconto “Quello che vedo” (Coarezza – 2013), secondo posto al Premio Giuseppe Matarazzo con il romanzo “Il garzone del boia” (Montescaglioso – 2013). Vincitore del Premio internazionale di poesia Festival degli Spaventapasseri con la poesia “Il cattivo Spaventapasseri” (Rovetta – 2014). Pubblicazione del romanzo “Amico, Nemico” (Montag – 2015), vincitore del concorso Io penso in siciliano con il racconto “Damon Gallagher in Truvaturi” (Montalbano – 2015). Vincitore del Premio Luogos Scripture Contest con la poesia “Seduto a terra” (Luogos – 2016), vincitore del concorso Io penso in siciliano con il racconto “Altrove” (Montalbano – 2016), secondo posto al Premio Inula con il racconto “Inquietudine migratoria” (Marina di Camerota – 2016), pubblicazione del quaderno di poesie “Verso i luoghi del tramonto” (Vitale Edizioni – 2016). Vincitore del Premio letterario Mondoscrittura Città di Ciampino con la poesia “Dritto contro il vento” (Ciampino – 2017), vincitore del Concorso Letterario Internazionale Macugnaga e il Monte Rosa con la poesia “Enrosadira” (Macugnaga – 2017), secondo posto al Premio Italia Medievale con il racconto “I segni della fine” (Milano – 2017), vincitore del Concorso Italicaexpo Terra Tricolore con la poesia “EVO” (Isernia – 2017). Secondo posto al Premio Internazionale La Mia Terra con il racconto “Fatti di terra, intrisi d’amore” (Vibo Valentia – 2018), vincitore del Premio LetteraturaHorror 2018 con il racconto “Ferocactus Coloratus” (Letteraturahorror.it – 2018), terzo posto al Premio del Mare Marcello Guarnaccia 2018 con il romanzo “La Isla” (Nulla Die Edizioni – 2018), terzo posto al Concorso Orto in Nero con il racconto “Mangialo” (Napoli – 2018), vincitore del Premio Letterario - Verso Sud  con il racconto “Di nuovo lontano” (Villa Poma – 2018), pubblicazione del romanzo “Il garzone del boia” (Elison Publishing – 2018). Vincitore del Premio regionale di narrativa Storie …Nel cassetto con il racconto “Come fiori portati dal vento” (Agugliano – 2019).


Genere: romanzo storico
Editore: Elison Publishing
Data di pubblicazione: 15 dicembre 2018
Numero pagine: 181
Prezzo ebook: 3,99€
Link per l'acquisto su Amazon:






Sinossi:
Ambientato nell’Italia dell’Ottocento, “Il garzone del boia” è la storia romanzata del più celebre esecutore di sentenze capitali dello Stato Pontificio, Giovanni Battista Bugatti detto Mastro Titta, raccontata dal suo aiutante, comprato per pochi soldi dalla famiglia di origine per farne il proprio garzone. 
Una visione assai diversa, a volte in contrasto con quella del proprio Maestro che vede il mestiere del boia come una vocazione, mentre per il buon garzone è solamente una scelta obbligata dalla quale fuggire alla prima occasione.
Gli eventi si susseguono tra le esecuzioni di assassini e le storie vissute dai protagonisti o raccontate dal popolino sotto la forca.
Il Maestro cresce il proprio aiutante iniziandolo anche alla lettura e alla scrittura, così che il romanzo presenta una doppia stesura.

Una prima, in corsivo, fatta dall’aiutante alle prime armi, con un linguaggio spesso forte e colorito e una seconda riscrittura, quando oramai avanti con l’età su consiglio del suo analista, riprende in mano questa storia per fuggire dai fantasmi che ancora lo perseguitano.



Vi lascio anche un estratto:
Quel mio nuovo padrone, se così andava chiamato poiché ero stato ceduto alla stregua di uno schiavo, stava davanti a guidare il carro, seduto al centro del panchetto sotto di un mantello scuro che gli scendeva dalle larghe spalle lungo la corta schiena e con il capo coperto da un cappello nero e liso ben calzato fino alle orecchie, con le falde curvate verso il basso a coprire gran parte del viso.
Il carro avanzava sulla strada sconnessa saltellando al passaggio su sassi e radici sporgenti, mentre lui impassibile era lì come se io non ci fossi, o come se fossi lì di nascosto a lui o ancor meglio come stesse trasportando un sacco di patate che par mio si accasciava da un lato o dall'altro a ogni sussulto del mezzo.
Non mi rivolgeva parola e canticchiava una cantilena scema e senza rima che a malapena capivo e che a oggi non ricordo, tenendo stretto tra le labbra un filo derba.
Sembrava ogni tanto, camuffandola con una leggera flessione del collo, come se mi volesse osservare di sottecchi, come a vedere se c’ero ancora o avevo preferito fuggire come avrei potuto fare agilmente saltando giù dal carro nonostante la mia menomazione.
Certo, con la gamba più corta che avevo non ero un fulmine ma il bosco lì intorno lo conoscevo bene e sarebbe stato agevole far perdere le mie tracce.
Non ero un prigioniero, poiché non aveva preso la precauzione di legarmi mani e gambe, mi aveva comprato e messo sul carro, appunto come si potrebbe fare con un sacco di patate o come se lui fosse stato il fato che veniva a darmi la possibilità di una vita diversa.
Riflettendoci ora capisco che mi mise alla prova, lasciandomi il libero arbitrio di decidere per la prima volta in maniera autonoma cosa volevo fare della mia vita.
Mi sembrò di scorgere dai tratti del suo viso che non erano celati dal cappello, una smorfia di sorpresa nel vedermi ancora seduto dietro al carro, come se desse per scontato la mia fuga.


Cosa ne pensate?
Io lo leggerò.

Buona lettura!

4 commenti:

  1. Ho letto una recensione molto bella riguardo questo libro, è davvero interessante!
    Baci!

    RispondiElimina
  2. Lo sto leggendo, molto scorrevole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di scoprire la tua opinione allora :)

      Elimina