Informazioni personali

La mia foto
Ilaria Vecchietti, autrice del racconto "L'ultima chance...", e dei romanzi fantasy "L'Isola dei Demoni" e "L'Imperatrice della Tredicesima Terra".

martedì 6 novembre 2018

Segnalazione: Ti prometto la felicità di Laura Cassie

Segnalazione:

Ti prometto la felicità

di

 Laura Cassie



Buongiorno lettori,
ecco un nuovo romanzo edito Literary Romance: "Ti prometto la felicità" di Laura Cassie.



Biografia:
Laura Cassitto nasce a Torino il 26 ottobre 1993 e, sebbene abbia trascorso tutta la vita circondata dai paesaggi piemontesi, il legame con le sue terre di origine non l’ha mai abbandonata. Infatti, tra i suoi fitti capelli ricci e la carnagione scura, risplendono i profumi e i colori del sud Italia. Laura si appassiona ben presto alle parole e, crescendo, si immerge sempre di più nei romanzi e nelle storie da essi raccontate. Nel 2015 decide di aprire un blog letterario, “Lettrice Abusiva”, per condividere questa sua grande passione con tutti gli amanti della letteratura. Nello stesso anno, intraprende un percorso da autrice con lo pseudonimo L. Cassie.


Per la Literary Romance fa il suo esordio con un romanzo romantico e intenso.



Genere: romanzo romance
Editore: Literary Romance
Data di pubblicazione: 17 settembre 2018 
Numero pagine
Prezzo ebook: 2,99€
Link per l'acquisto su Amazon:





Sinossi:

Lorena ha subìto un grave incidente: è stata investita. Per lei è inevitabile, ora, avere il controllo delle proprie giornate, delle ore, di qualsiasi attimo. Programma tutto, annotando con dovizia di dettagli un diario che porta sempre con sé. Ha anche un blog, che aggiorna spesso, dove mette nero su bianco le emozioni, certa che il suo passato non sia poi così diverso dagli utenti che la seguono. Per lei, giovane commessa, nulla può essere lasciato al caso, pena la solitudine.
Un giorno, uscendo dal negozio in cui lavora, è letteralmente travolta da un tizio che fa jogging. Si tratta di Matt, un musicista, soffocato dalla recente perdita di un amico e arrabbiato con Dio oltre che con se stesso. Ha bisogno solo di ricominciare, di aprire di nuovo gli occhi e lasciare che torni a scorrere in lui la voglia di vivere e, perché no, innamorarsi.
A seguito del loro scontro, Lorena perde il diario e, sorprendentemente, tutti i sogni, i desideri che ha annotato, iniziano ad avverarsi un po’ per volta…


Ed eccovi anche un estratto:

LUI - Esiste la casualità? Credo che se alcuni avvenimenti un po’ insoliti accadono, un motivo ben preciso ci deve essere. Un po’ come Peter Howitt, il regista di Sliding Doors, che ha brillantemente spiegato nel suo film di come, comunque vadano le cose, al destino non si sfugge. Non so se si tratti veramente di destino, non mi ritengo abbastanza ferrato sull’argomento per stare qui a esprimere teorie in merito, ma mi piace pensare che le coincidenze siano dei piccoli segnali che qualcuno da lassù vuole inviarci.
Insomma, faccio cadere a terra una ragazza rovesciando il contenuto della sua borsa, raccolgo tutto meno che la sua preziosa agenda che ritrovo poco dopo e, come se tutto ciò non fosse sufficientemente bizzarro, me la ritrovo in prima fila a un mio concerto.
Vogliamo chiamarle coincidenze? Perfetto, chiamiamole pure così, ma non posso non notarle e non andare incontro a ciò che l’universo sta cercando di dirmi. Devo conoscere questa ragazza e nel male delle ipotesi, mi sarò solo sbagliato.



LEI - Mi piace osservare le persone, studiarne le espressioni, i gesti, e Matteo mi affascina sotto questo punto di vista, proprio perché non è semplice capire ciò che prova. Una cosa però mi ha colpito, un particolare che conosco molto bene: il dolore. Sta soffrendo per qualcosa, i suoi occhi parlano per lui e, purtroppo, so riconoscere certe sfumature negli sguardi perché sono le stesse che scorgo nei miei quando, davanti a uno specchio, cerco di ignorarle. Ed è per questo che devo mantenermi a debita distanza, non sono la persona adatta a condividere o vivere certi tormenti: avrebbe bisogno di qualcuno che lo faccia sorridere mentre io, le persone, posso solo farle piangere.


Sembra molto carino... cosa ne pensate?


Buona lettura!

Nessun commento:

Posta un commento