Informazioni personali

La mia foto
Ilaria Vecchietti, autrice del racconto "L'ultima chance...", e dei romanzi fantasy "L'Isola dei Demoni" e "L'Imperatrice della Tredicesima Terra".

martedì 14 agosto 2018

Segnalazione: Tutta colpa di Buck di Olivia Hessen

Segnalazione:

Tutta colpa di Buck

di
Olivia Hessen


Buongiorno lettori,
eccomi con un'altra interessantissima opera di Olivia Hessen: "Tutta colpa di Buck" (già conosciuta per il romanzo Il segreto di Fosco e per i racconti Magia d'inverno e Esotico mistero e la raccolta di racconti Un'estate magica).



Biografia:
Mi chiamo Olivia e sono una ragazza come tante, con mille sogni e progetti per la testa.
Le mie passioni sono il cioccolato, i cani, il mare e i film d’amore.
Ho iniziato a scrivere un po’ per passione e un po’ per curiosità cimentandomi in storie LGBT.
Nella vita ho un solo motto: supera i tuoi limiti.


CONTATTI



Genere: romanzo LGBT / romantico 
Editore: StreetLib Selfpublishing
Data di pubblicazione: 28 novembre 2016
Numero pagine: 122
Prezzo ebook: 1,99€ 
Link per l'acquisto su Amazon: 





Sinossi:
Adam e Jordan sono nati e cresciuti a Eatonville, un pittoresco paese racchiuso fra le nevose montagne dello stato di Washington.
Hanno condiviso sempre tutto, lasciando che la loro amicizia diventasse qualcosa di più profondo, fino a quando Adam ha ferito Jordan spezzandogli il cuore.
Dopo diciotto anni di lontananza, Jordan decide di tornare nel suo paese natale, augurandosi di non trovare più Adam sulla sua strada.
Adam invece spera ogni giorno di rivedere Jordan, e di poterlo riconquistare.
Riuscirà un improbabile cupido a quattro zampe di nome Buck a far nascere di nuovo l’amore?



Eccovi anche un estratto:
L’aria del mattino era frizzante. 
Portava con sé il profumo della neve, che la notte precedente era scesa silenziosa e aveva imbiancato i profili severi delle alte montagne che circondavano Eatonville. 
Presto avrebbe nevicato anche in paese, pensò Adam. 
Ottobre era finalmente arrivato e come accadeva durante ogni autunno le temperature si erano rapidamente abbassate, lasciando posto a un freddo pungente che preannunciava l’arrivo del lungo inverno. 
Insieme a suo padre Paul, che viveva nella villa accanto alla sua, era andato nei boschi a fare legna, aveva controllato la caldaia e sistemato il tetto, che durante l’estate aveva subito dei danni a causa dei ripetuti e inaspettati temporali che si erano abbattuti sul paese. 
La sola cosa che gli restava da fare era assicurarsi che le casette per gli uccellini fossero integre, prima di riempirle con i semi che aveva comperato al vecchio emporio vicino al municipio. 
Adam Peterson strinse fra le mani la sua tazza preferita, quella che suo figlio Steve gli aveva regalato quando aveva cinque anni, e bevve un po’ di caffè caldo. 
Amava particolarmente quel momento della giornata, quando la sveglia delle sette non era ancora suonata, e il silenzio circondava la sua amata casa sul lago Clear. 
Aveva costruito con le sue mani quella villa a due piani e progettato ogni singolo particolare con estrema cura: era stato il suo personalissimo modo per superare la cocente delusione derivata dal tragico fallimento del suo matrimonio. 
Ora, a dieci anni dal divorzio, poteva dire di essere un uomo finalmente sereno. 
Poteva anche crederci. 


Molto interessante... poi se c'è di mezzo qualche animale non posso che esserne incuriosita.
E voi cosa ne pensate?


Buona lettura!

2 commenti: