Informazioni personali

La mia foto
"L'Isola dei Demoni" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Self publishing con Amazon "L'Imperatrice della Tredicesima Terra" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Aletti Editore Anche in formato e-book

giovedì 24 maggio 2018

Segnalazione: Blu di Lucrezia Ruggeri

Segnalazione:

Blu

di

Lucrezia Ruggeri



Buongiorno lettori,
oggi sono felicissima di annunciarvi l'uscita di un nuovo romanzo di una mia amica / blogger: Lucrezia Ruggeri, già conosciuta per il racconto Ricominciamo da noi.
Il suo nuovo romanzo si intitola: "Blu".



Biografia:
Mi chiamo Lucrezia Ruggeri.
Ho da sempre il pallino della scrittura e sono un'amante compulsiva dei libri, i miei migliori amici da quando ero piccola, perciò ho deciso di trasformare la mia piacevole ossessione in qualcosa di importante e vedremo dove mi condurrà questa strada!

CONTATTI



Genere: romanzo 
Narrativa Contemporanea / LGBT
Editore: StreetLib Selfpublishing
Data di pubblicazione: 17 maggio 2018
Prezzo ebook: 2,99€ 
Link per l'acquisto su Amazon:






Sinossi:

Irlanda, un giorno come tanti altri.
C’è un uomo, seduto su una scogliera, immerso nei suoi pensieri.
E c’è Blu.
Blu è un nome, un ricordo, e anche molto di più.
È un amore intenso e grande come l’universo, ma fragile come una stella cadente.
È la storia di qualcosa di talmente splendido che non si può dimenticare.
Dalla penna di Lucrezia Ruggeri, una struggente storia d’amore che lascerà il lettore senza parole.


Eccovi un piccolo estratto:
Ciao, Blu.
Non ti aspettavi di ritrovarmi qui, vero?
Come vedi ho tenuto fede ai miei propositi e alla fine sono tornato in questo luogo magico che ci ha fatti incontrare undici anni fa e che ha cambiato per sempre e in modo assolutamente inaspettato le nostre vite.
L’Irlanda.
Questo paese straordinario ha sempre avuto un fascino particolare ai nostri occhi, qualcosa che gli altri non sono mai riusciti a comprendere fino in fondo e che apparteneva solo a noi due.

Cosa ne pensate?
Io spero di leggerlo il prima possibile!



Buona lettura!

mercoledì 23 maggio 2018

Segnalazione: Una seconda chance di Artemide Waleys

Segnalazione:
Una seconda chance
di
Artemide Waleys


Buongiorno lettori,
nuovo romanzo di Artemide Waleys: "Una seconda chance" (già conosciuta per la serie Club privè 185, le antologie di racconti Nero su Bianco e L'estate negli occhi e il racconto Come in una favola).


Biografia:

Artemide Waleys è una giovane donna come ce ne sono tante, metà francese e metà inglese.
Vive in Scozia con sua moglie Carrie, ha una vita sempre incasinata, mille contrattempi, una famiglia che la fa impazzire e un grande amore per i libri.
Questa passione incontrollata l’ha portata a scrivere e dopo avere preso il coraggio a due mani ha deciso di cominciare a pubblicare i suoi manoscritti.
Sono libri di amore, avventura, che raccontano la vita di tutti i giorni ma che hanno un qualcosa in più: sono libri LGBT dove i protagonisti sono uomini e donne che cercano un loro spazio nel mondo, inseguendo la felicità.
Proprio come fa Artemide, fra un libro e l’altro!

Contatti:




Genere: romanzo LGBT / Romantico / Narrativa Contemporanea / Azione
Editore: self publishing StreetLib
Data di pubblicazione: 21 gennaio 2015
Numero pagine: 210
Prezzo cartaceo: 10,99€
Prezzo ebook: 3,99€
Link per l'acquisto su Amazon: 



Sinossi:
Reid Collins ha una vita molto complicata.
Vive a Los Angeles con il suo gatto Caligola e lavora insieme al suo migliore amico Cody, un famoso arredatore d’interni. Ma quando il Presidente lo chiama è pronto a intervenire insieme a Cody per salvare il mondo.
Nonostante tutto, Reid riesce a mantenere tutto in equilibrio come un perfetto giocoliere fino a quando nella sua vita ricompare l’ultima persona che avrebbe desiderato vedere.
JD, l’uomo che gli ha spezzato il cuore tanti anni fa.
Come se non bastasse JD è il miglior sicario sulla piazza: sarà forse tornato da Reid per ucciderlo?

Eccovi anche un estratto:
JD uscì dall’aeroporto McCarran respirando l’aria calda e afosa che lo accolse fuori dall’edificio.
Odiava l’estate, il caldo e Las Vegas: tre ottime ragioni per tornare indietro senza pensarci tanto sopra, ma quando si trattava di lavoro non si tirava mai indietro.
-Taxi, signore?- chiese una procace ragazza sorridendo.
-Salve splendore.- disse avvicinandosi –Portami al Venetian Hotel.-
-Subito.-
JD si accomodò sul sedile posteriore e benedisse l’aria condizionata.
-Quanti gradi ci sono?- chiese.
-Oggi è una giornata fresca, ci sono solo quarantasette gradi.-
JD grugnì qualcosa di non ben definito mentre la ragazza lo osservava attraverso lo specchietto retrovisore.
Il suo passeggero non dimostrava più di quarant’anni, portava corti capelli brizzolati e i tratti virili del viso erano resi più interessanti da una barba di qualche giorno.
Non riusciva a capire di che colore aveva gli occhi a causa delle lenti scure degli occhiali da sole.
-Le va un po’ di musica?-
-Cos’hai?- domandò JD.
-Frank Sinatra, Aretha Franklin, Elvis...-
-Cristo santo!- esclamò sfilandosi gli occhiali da sole –Sei un’aliena: come fai a conoscere questa musica?-
-Mia nonna.- rispose sorridendo –Allora?-
-Vada per Aretha.-
La tassista selezionò la cartella di file mp3 e la musica partì.
Guardò attraverso lo specchietto retrovisore e sorrise: il suo passeggero aveva dei bellissimi e magnetici occhi neri, era un uomo decisamente interessante.
-Cosa la porta a Las Vegas?- domandò incuriosita.


Uhm... interessante.
E voi che ne dite?

Buona lettura!

martedì 22 maggio 2018

Blogtour Grimace di Chiara Orlando TERZA TAPPA IL CORVO, TRA MITOLOGIA E LETTERATURA

BlogTour
Grimace
di
Chiara Orlando

TERZA TAPPA
IL CORVO, TRA MITOLOGIA E LETTERATURA



Buongiorno lettori,
oggi sono felicissima di partecipare al BlogTour organizzato da Chiara Orlando, in occasione dell'uscita del suo ultimo romanzo "Grimace", un urban fantasy / mystery, edito Genesis Publishig, che vi avevo già segnalato qualche giorno fa a questo link.



Oggi siamo alla terza tappa del Tour... e parleremo di "Il corvo, tra mitologia e letteratura"... non siete curiosi di approfondire maggiormente questo romanzo?
Bene allora passiamo subito a leggere qualche estratto in questione:


Alzò appena il capo e notò un enorme corvo appollaiato su un palo della luce, poco lontano. Gli occhietti tondi e di un nero che tendeva al rosso erano puntati su di lei in modo inquietante. L’uccellaccio gracchiò facendola sussultare, quasi esortandola a entrare.

Uscì dal take away e notò nuovamente il corvo, questa volta sulla ringhiera di un balcone che sporgeva dal primo piano, sopra la sua testa. Ignorandolo volutamente, si avviò a grandi passi verso casa. Un battito d’ali e seppe che l’animale volava proprio sopra di lei.

Un gracchiare riverberò stridente nel lungo corridoio. Entrambi si voltarono verso la finestra alla loro destra. Appollaiato sul cornicione, oltre il vetro della bifora, un corvo dagli occhi di rubino pareva fissarli con un’intensità inquietante. Per qualche strano motivo Blair si sentì rassicurata. Impugnando la sua stilografica, più bollente che mai, ritrovò il coraggio.
«Sono in missione, Denever, non ho tempo per farti divertire» sbottò.

Il volatile nero, intanto, in qualche modo era riuscito a intrufolarsi nel corridoio e ora le si era parato di fronte, sbattendo velocemente le ali, come incitandola a fuggire.
La donna, facendo ricorso alle forze rimaste, si alzò in piedi e seguì il corvo.
«Aspetta!»
Sentì la voce lontana di Denever, quasi disperata, ma lei non si fermò. Non era pazza a tal punto.




Ora passiamo a saperne di più sulla figura del corvo... e cosa ci rivela l'autrice sul suo romanzo:


Quella del corvo è una figura piuttosto importante nel romanzo, tanto che dà il nome alla serie stessa (The Crow Series).
Sia in mitologia che in letteratura è sempre stato simbolicamente legato all’oscurità, alla cupezza e alla morte. Per questo motivo ho deciso di utilizzarlo come animale “totem” che, in momenti essenziali della storia, guida e talvolta porta alla salvezza la protagonista.
Inoltre il corvo ha un particolare legame con la mitologia greca, secondo i racconti di Ovidio era il famiglio preferito dal dio Apollo, che lo utilizzava come messaggero. Per una fatale errore (era troppo impiccione a detta delle cornacchie) venne punito dal dio e le sue penne, da bianche, divennero nere come la pece.
Le credenze dell’antica Grecia hanno un loro ruolo all’interno del romanzo e elementi di questo ricco repertorio folkloristico si possono notare in alcuni avvenimenti e conversazioni.
Un altro motivo che mi ha spinto a utilizzare il corvo come animale simbolo della serie è la poesia di Edgar Allan Poe, intitolata appunto “Il Corvo”: un uomo distrutto dalla perdita della sua amante riceve la visita notturna di un corvo che, come un messaggero di mestizia, gli rivela con una parola, Nevermore, l’ineluttabilità della morte.
In “Grimace” è legato sì alla morte, ma non è più messaggero bensì guardiano. Una silenziosa guida che indica la giusta via nel mondo soprannaturale che circonda la protagonista.



Beh, che dirvi?
Già la trama di questo romanzo mi aveva incuriosito molto, ora con queste curiosità non vedo l'ora di leggerlo!
E voi cosa ne pensate?

Mi raccomando, passate anche dagli altri blog per scoprire altre curiosità su "Grimace".

1° Tappa: Franci lettrice sognatrice
2° Tappa: Sognando tra le righe



Buona lettura!


Link d'acquisto su Amazon:

lunedì 21 maggio 2018

IN CAMMINO VERSO COMPOSTELA (diario di bordo scritto con i piedi) di BEATRICE MASCI

IN CAMMINO
VERSO COMPOSTELA

(diario di bordo scritto con i piedi)  
di
BEATRICE MASCI


Genere: guida turistica / umoristico

Edizione: Montag (Le Fenici) (2018)


Buongiorno lettori,

eccomi qui a recensire un libro molto particolare e divertente, in collaborazione con l'agenzia letteraria Saper scrivere che ringrazio sempre molto per l'opportunità di farmi conoscere tanti nuovi libri (Saper scrivere si occupa di editoria a tutti i livelli: correzione di bozza, editing, scouting, traduzioni e impaginazioni, ghostwriting e anche ufficio stampa).
In cammino verso Compostela (diario di bordo scritto con i piedi) è una sorta di guida turistica, dove l'autrice narra la sua avventura nell'affrontare il lungo cammino dalla Francia alla Spagna.
Quando avevo letto la sinossi, in cui si dice che "Beatrice Masci fa raccontare ai suoi piedi gli ottocento chilometri percorsi in 33 giorni" pensavo che l'autrice si sarebbe limitata a descrivere la sua esperienza, fisica ed emotiva, (e naturalmente in questo libro si parla anche di quello, delle sue emozioni, di ciò che ha visto, delle persone che ha incontrato, di quello che ha fatto)... ma in realtà c'è molto di più, e anche il sottotitolo "(diario di bordo scritto con i piedi)" avrebbe dovuto suggerirmi l'ironia dell'autrice.
Infatti all'inizio non avevo compreso bene il testo, pensavo che l'autrice parlasse e discutesse della sua decisione di intraprendere il cammino di Compostela con qualche amico / parente / collega, trascinato a forza in questa grande e faticosa avventura... ma poi finalmente (meglio tardi che mai!) Beatrice non parlava con nessuno! Erano soprattutto i suoi piedi a farlo, lamentandosi in continuo del duro lavoro compiuto e sentendosi anche poco apprezzati, e poco massaggiati.
Per cui questo testo, nonostante il racconto di questa esperienza unica, è anche molto divertente e simpatico per l'interferenza dei pensieri dei piedi, e non solo, parlano anche il cuore, le spalle, lo stomaco e la coscienza. Tutti a dare la propria opinione su ciò che fa Beatrice lungo gli ottocento chilometri di viaggio... e ci sono molte avventure divertenti che la coinvolgono.
Un libro davvero interessante, e per niente religioso, arricchito anche da alcune foto scattate dall'autrice.


Buona lettura!


VOTAZIONE


Link all'acquisto su Amazon:

domenica 20 maggio 2018

25 indiscrete domande cinematografiche

 25 indiscrete domande cinematografiche


Buongiorno lettori,
eccomi anche questa domenica con un tag... stavolta tutte domande sui film.
Ringrazio Francesca del blog I libri di Francesca A. Vanni che mi ha proposto di farlo.

Allora passiamo alle domande:


1.Il personaggio cinematografico che vorrei essere?
Uhm... questa domanda non so proprio rispondere, forse perché non vorrei essere nessuno a parte me stessa.

2.Genere che amo e genere che odio?
Genere che amo: fantasy, fantascienza, storico.
Genere (non che odio), ma che non guardo spesso: storie d'amore.

3.Film in lingua originale o doppiati?
Doppiati.

4.L'ultimo film che ho comprato?
"Jurassic World".

5.Sono mai andato al cinema da solo?
No.

6.Cosa ne penso dei Blu-Ray?
Non ho un'opinione a riguardo perché non li ho mai visti.

7.Che rapporto ho con il 3D?
Ogni tanto mi piace vedere al cinema film in 3D.

8.Cosa rende un film uno dei miei preferiti?
Innanzitutto la trama, poi i personaggi e poi come è stato girato.

9.Preferisco vedere i film da solo o in compagnia?
A casa da sola. Al cinema in compagnia.

10.Ultimo film che ho visto?
"Zodiac: Il segno dell'apocalisse".

11.Un film che mi ha fatto riflettere?
Molti film mi fanno riflettere, soprattutto quelli drammatici. Al momento non mi viene in mente uno in particolare.

12.Un film che mi ha fatto ridere?
Tutti quelli con Terence Hill e Bub Spencer

13.Un film che mi ha fatto piangere?
Come per i libri, non sono una che piange facilmente. Quindi non mi ricordo se ci sia mai stato un film che mi abbia fatto piangere.

14.Un film orribile?
"Insurgent". Il libro l'ho amato, ma il film è stato modificato parecchio e per quanto mi riguarda a tratti era incapibile.

15.Un film che non ho visto perché mi sono addormentato?
Non mi sembra che sia mai successo.

16.Un film che non ho visto perché stavo facendo le "cosacce"?
Nessuno.

17.Il film più lungo che ho visto?
Credo "Via col vento".

18.Il film che mi ha deluso?
In verità tanti... come ho detto prima uno degli ultimi è "Insurgent".

19.Un film che so a memoria?
Il mio film preferito: "Jurassic Park"

20.Un film che ho visto al cinema perché mi ci hanno trascinato?
Mah, in genere sono sempre stata d'accordo su cosa vedere con gli amici.

21.Il film più bello tratto da un libro?
Beh, il libro non l'ho mai letto... ma "Jurassic Park" per me è stupendo!

22.Il film più datato che ho visto?
Credo i western.

23.Miglior colonna sonora?
"All'alba sorgerò" di Frozen.



24.Migliore saga cinematografica?
"Il Signore degli Anelli".

25.Miglior remake?
In genere i remake non mi piacciono molto.


Spero che questo post vi sia piaciuto.
Adesso nomino sette blog, ma chiunque volesse può rispondere alle domande, sarò felice di leggerle.

Nomino:
Buona lettura!