Informazioni personali

La mia foto
"L'Isola dei Demoni" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Self publishing con Amazon "L'Imperatrice della Tredicesima Terra" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Aletti Editore Anche in formato e-book

mercoledì 20 giugno 2018

Segnalazione: Quando ti dirò addio di Artemide Waleys

Segnalazione:
Quando ti dirò addio
di
Artemide Waleys


Buongiorno lettori,
segnalazione per un altro romanzo di Artemide Waleys: "Quando ti dirò addio" (già conosciuta per la serie Club privè 185, per il romanzo Una seconda chance, le antologie di racconti Nero su Bianco e L'estate negli occhi e il racconto Come in una favola).


Biografia:

Artemide Waleys è una giovane donna come ce ne sono tante, metà francese e metà inglese.
Vive in Scozia con sua moglie Carrie, ha una vita sempre incasinata, mille contrattempi, una famiglia che la fa impazzire e un grande amore per i libri.
Questa passione incontrollata l’ha portata a scrivere e dopo avere preso il coraggio a due mani ha deciso di cominciare a pubblicare i suoi manoscritti.
Sono libri di amore, avventura, che raccontano la vita di tutti i giorni ma che hanno un qualcosa in più: sono libri LGBT dove i protagonisti sono uomini e donne che cercano un loro spazio nel mondo, inseguendo la felicità.
Proprio come fa Artemide, fra un libro e l’altro!

Contatti:




Genere: romanzo LGBT / Romantico / Narrativa Contemporanea
Editore: self publishing StreetLib
Data di pubblicazione: 4 febbraio 2016
Numero pagine: 330
Prezzo cartaceo: 14,99€
Prezzo ebook: 3,99€
Link per l'acquisto su Amazon: 




Sinossi:
Noah è una promessa della danza ma dietro un mondo fatto di ballo e teatro si cela una personalità fragile con un passato difficile fatto di abusi e sofferenza.
E le cose si complicano quando nella vita di Noah entrano due uomini che rapiranno il suo cuore: William e Kevin, diversi come il giorno e la notte.
Riuscirà Noah a capire qual è l’uomo giusto per lui, trovando così la felicità tanto anelata?

Eccovi anche un estratto:
Le luci dell’alba infuocavano l’oceano calmo inondandolo di pennellate rosse mentre la distesa d’acqua salata sembrava un’enorme tela con cui un pittore impressionista si era divertito a giocare.
Peter Sanders rimase a fissare il sole per qualche istante: quella mattina avrebbe dovuto parlare con suo nipote Kevin ma avrebbe preferito mille volte andare a caccia di squali piuttosto che affrontare quel benedetto ragazzo.
-Mi farà diventare tutti i capelli bianchi.- sospirò alzando gli occhi al cielo.
E dire che di capelli bianchi ne aveva già abbastanza, anche se per i suoi quarantacinque anni si manteneva bene e poteva tenere testa a molti uomini più giovani di lui.
Peter raggiunse un chiosco e prese un caffè da portare via, avrebbe avuto bisogno anche di quello.
Kevin Sanders non era famoso per il suo carattere cordiale, ma in quel periodo dell’anno diventava ancora più difficile da sopportare se non addirittura impossibile.
-Ma io dico.- borbottò camminando lungo la spiaggia vuota –Non si può passare da gennaio a giugno senza fermate intermedie?-
-Salve amico, sei mattiniero oggi!-
Peter alzò gli occhi castani verso la strada e salutò un anziano uomo seduto sulla spiaggia:
-Ciao Ted!-
-Devi parlare con Kevin?-
-Si vede?-
-Hai l’aria di chi preferirebbe essere in bocca a uno squalo.- commentò con una risata.
-Mio nipote è un bravo ragazzo...-
-Lo so, ma ha un carattere orribile! Salutami Maya, vi aspetto a cena una di queste sere.-
-Ricordati che è stato Kevin che ti ha rimesso a posto il tetto!-
-Questo non toglie che ha sempre un carattere orribile!-
Peter sorrise pensando che purtroppo Ted non aveva tutti i torti.
A volte Kevin aveva un modo molto particolare per esprimere il suo disappunto...


Carino... e voi cosa ne dite?

Buona lettura!

2 commenti: