Informazioni personali

La mia foto
"L'Isola dei Demoni" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Self publishing con Amazon "L'Imperatrice della Tredicesima Terra" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Aletti Editore Anche in formato e-book

sabato 15 dicembre 2018

Segnalazione: Io, è un altro di Omar Soriente

Segnalazione:

Io, è un altro

di
Omar Soriente 



Buongiorno lettori,
oggi vi segnalo il romanzo: "Io, è un altro" di Omar Soriente.
Si tratta del terzo libro dell'autore: il primo è autobiografico "La Vita allo Specchio" (2011) e il secondo è una sorta di saggio "Il Viaggio Rotondo" (2014).


Biografia:
(1976) nasce a Maniago (PN), dove trascorre i primi anni d’infanzia. Vivendo in seguito tra Vajont (PN) e Vancouver BC in Canada, inizia ad appassionarsi alla scrittura. Attualmente vive a Lignano Sabbiadoro (ud). Io, è un altro è il suo terzo romanzo.



Genere: romanzo narrativa
Editore: Edizioni Ensemble
Data di pubblicazione: 31 maggio 2018
Numero pagine: 90
Prezzo cartaceo: 10,29€ 
Link per l'acquisto su Amazon:





Sinossi:

Dopo una delle tante escursioni in montagna, unica passione della sua vita, Stefano si appresta a percorrere il sentiero verso casa prima dell'avvento del buio. La sua corsa, però, è troppo veloce. La mattina seguente si sveglia sul proprio divano ma, accingendosi a compiere le sue azioni abitudinarie, nota che queste sono state già svolte: davanti a lui, infatti, c'è un altro se stesso, ai cui occhi è del tutto inosservato. Superato lo shock iniziale, si rassegna all'invisibilità e intraprende un profondo flusso di coscienza per capire cosa sia successo e, soprattutto, inizia a guardarsi dall'esterno, scoprendo un individuo del tutto simile a lui, che gli sembra completamente estraneo. L'odio per il proprio lavoro, l'ira verso i genitori, le costanti crisi di nervi di quell'uomo che chiama "impostore", gli svelano aspetti di sé sui quali non si era mai soffermato. Cosa lo aveva portato a corrodere la propria anima? E, soprattutto, una volta trovata la risposta, ci sarebbe ancora stato il tempo per tornare indietro e riscoprire il desiderio di vivere?


Eccovi un estratto:
Nonostante la temperatura di fine ottobre fosse superiore alla media stagionale, l’aria estiva stava lasciando spazio a quella più fresca dell’autunno.
Il limpido cielo sovrastava le cime delle montagne, dove il verde dei pini si mescolava con l’infinità di quell’azzurro. I tiepidi raggi solari scivolavano dall’alto per arrivare a posarsi sulla vegetazione colorata di rosso, arancione e giallo. Barattoli di vernice dai colori più caldi sembravano essere stati rovesciati su quei boschi, trasformandoli in dipinti. Gli odori, gli impercettibili rumori e il lieve movimento delle frasche al vento, rendevano vivo quello che sembrava essere intrappolato in uno scatto inanimato.
Le sue scarpe da trekking lasciavano sul sentiero il segno del loro passaggio. Le foglie autunnali svolazzavano ai lati del camminamento, rivelandone il manto umido del sottobosco, ricco di radici dall’aspetto quasi fiabesco. Gli alti alberi si aggrappavano al terreno con tutta la loro delicata forza, disegnando stravaganti forme con i loro piedi legnosi, fino a scomparire nelle viscere della terra.
Mano a mano che si inerpicava su per la montagna, si sentiva sempre più accaldato. Quel tratto era ripido e il sudore iniziava a scendergli copiosamente dalla fronte.
Alzando gli occhi verso le cime degli alberi guardò il sole penetrare nel bosco, sentendone il calore. Non avrebbe mai immaginato che alle porte del mese di novembre potesse sen
tire ancora così caldo. La maglietta si era appiccicata al corpo a causa del sudore che scendeva lungo la schiena e il petto.
A testa bassa, con passo deciso e con il fiato spezzato dalla fatica, percorse i duecento metri di salita che lo portarono in una radura.
Il bosco era ormai alle sue spalle e le vette rocciose delle Dolomiti si impressero nei suoi occhi.



Cosa ne pensate?
Io sono molto curiosa di leggerlo.

Buona lettura!

4 commenti:

  1. Grazie infinite per la segnalazione del mio romanzo. Concordo circa la copertina. Non solo è graficamente attraente ma raccoglie in sè uno dei concetti predominanti celati tra le righe del libro.
    HAPPINESS!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi fatto conoscere il tuo romanzo :)
      Non vedo l'ora di leggerlo.

      Elimina