Informazioni personali

La mia foto
"L'Isola dei Demoni" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Self publishing con Amazon "L'Imperatrice della Tredicesima Terra" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Aletti Editore Anche in formato e-book

mercoledì 28 febbraio 2018

Conosci l'autore: ANTOINE DE SAINT-EXUPÉRY

Conosci l'autore:
ANTOINE DE SAINT-EXUPÉRY

Buongiorno lettori,
oggi appuntamento con la rubrica "Conosci l'autore"... e vi parlo dell'autore de Il piccolo principeAntoine de Saint-Exupéry.


Antoine de Saint-Exupéry nasce a Lione (Francia) il giorno 29 giugno del 1900, in una famiglia aristocratica: il padre Jean era ispettore delle assicurazioni e la madre Marie, pittrice talentuosa.
Orfano di padre a soli quattro anni, viene amorevolmente cresciuto dalla madre che si sposta a Le Mans nel 1909.
L'infanzia di Antoine è molto felice, forse un po' troppo viziata, nella grande dimora di Saint Maurice de Rémens, di stile classico al centro di un parco di abeti e tigli. Tra i suoi amici e compagni di giochi, è il più fantasioso, prepotente, avventuroso.
Punto decisivo nella sua vita è l'anno 1921 quando parte per il servizio militare e viene mandato a Strasburgo per diventare aviatore.
Il 9 luglio del 1921 compie fece il suo primo volo solitario a bordo di un Sopwith F-CTEE.
Ottiene la licenza di pilota nel 1922 e torna quindi a Parigi dove inizia a dedicarsi alla scrittura. Questi sono però anni sfortunati. Compie diversi lavori, inclusi il contabile ed il venditore di auto.
Nel 1928 diventa direttore del remoto campo di Cap Juby vicino a Rio de Oro, Sahara. Nel 1929 Saint-Exupéry si trasferisce in Sud America per trasportare la posta attraverso le Ande. E' il famoso periodo dell'Aeropostale. I suoi incidenti in volo diventano proverbiali: quello più clamoroso avviene nel 1938 durante un tentativo di stabilire il record di volo da New York alla Terra del Fuoco.
Dopo l'invasione della Francia nella Seconda guerra mondiale, Antoine de Saint-Exupéry entra nell' aviazione militare e compie diverse missioni di guerra, nonostante sia considerato inabile al volo a causa dei troppi malanni. Viene comunque insignito della Croce di Guerra.
Ancora oggi viene ricordato come "eroe romantico", un uomo lontano, sfumato, quasi irreale, sia per la sua vita avventurosa che per la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose all'età di 44 anni.
Il giorno 31 luglio 1944 parte per la nona ed ultima missione, con l'obiettivo di sorvolare la regione di Grenoble-Annecy. Non tornerà più: viene dato per disperso e non se ne saprà più nulla.
Tra le varie ipotesi formulate, la più suggestiva sarebbe quella che lo vedrebbe precipitato in mare a causa di un guasto al motore mentre cercava di sfuggire al fuoco della contraerea tedesca, dopo essersi allontanato dalla rotta prestabilita per dare una nostalgica occhiata ai luoghi della sua adorata infanzia.
Antoine fu un idealista, un pilota coraggioso, un uomo di grandi passioni con una vita sentimentale tormentata e infelice.
Ciò che lo ha reso straordinario è stata la letteratura che per lui era la vita stessa, indissolubile .
Egli stesso affermava che "bisogna vivere per poter scrivere", ed infatti la maggior parte delle sue opere prendono spunti autobiografici, trasformate in cronache romantiche di fatti realmente accaduti. Forse proprio per questo finì per fare di tutta la sua vita un romanzo.
Il suo libro più noto è senza dubbio "Il Piccolo Principe", una favola dedicata all'amico Léon Werth, ma non all'amico adulto, bensì al bambino, una dedica retroattiva, un testo per l'infanzia che perdura in ogni età.

Opere:
  • Lettres de jeunesse à l'amie inconnue [1923-31] (1953), tr. Maria Cristina Marinelli, Lettere di giovinezza all'amica inventata, Passigli, Firenze, 1990
  • L'Aviateur (1926), tr. Francesco Saba Sardi, L'aviatore, in Opere I, a cura di Michel Autramd e Michel Quesnel, Bompiani, Milano, 1994, pp. 27–37
  • Textes de jeunesse, tr. Francesco Saba Sardi, Testi giovanili, in Opere I, cit., pp. 1–23
  • Courrier Sud (1929), tr. Cesare Giardini, Corriere del sud in Volo di notte - Corriere del sud, Mondadori, Milano, 1932
  • Vol de nuit (1931), tr. Cesare Giardini, Volo di notte in Volo di notte - Corriere del sud, cit.
  • Préfaces (1938), tr. Francesco Saba Sardi, Prefazioni, in Opere I, cit., pp. 513–530
  • Terre des hommes (1939), tr. Michele Saponaro, Terra degli uomini, Garzanti, Milano, 1942; tr. Renato Prinzhofer, introduzione di Renato Barilli, Mursia, Milano, 1988
  • Le pilote et les puissances naturelles (1940), tr. Francesco Saba Sardi, Il pilota e le potenze naturali, in Opere I, cit., pp. 353–366
  • Pilote de guerre (1942), tr. Maria ChiappelliPilota di guerra in Pilota di guerra - Lettera a un ostaggio - Taccuini, Bompiani, Milano, 1959




  • Lettre à un otage (1944), tr. Maria Chiappelli, Lettera a un ostaggio in Pilota di guerra - Lettera a un ostaggio - Taccuini, cit.
  • Citadelle (1948), tr. Enzo L. Gaya, Cittadella [edizione ridotta], Borla, Roma, 1978; edizione integrale AGA Editrice, 2017
  • Carnets [1935-40] (1953 e 1975), tr. Fabrizio Ascari, Taccuini, in Opere I, cit., pp. 531–772
  • Lettres à sa mère [1910-44] (1955), tr. Giuliano Vigini, Lettere alla madre, Paoline, Cinisello Balsamo (Mi), 1989; tr. Marco D'Aliberti, Lettere a mia madre, Santi Quaranta, Treviso, 2015
  • Articles (1956), tr. Francesco Saba Sardi, Articoli, in Opere I, cit., pp. 369–442
  • Pages choisies, a cura di Claude Reynal, tr. Ezio L. Gaya, Un senso alla vita, Borla, Roma, 1985
  • Écrits de guerre [1939-44], a cura di Raymond Aron, Gallimard, Paris, 1982
  • Reportages (1982), tr. Francesco Saba Sardi, Reportage, in Opere I, cit., pp. 443–512
  • Correspondance, tr. Francesco Saba Sardi, Corrispondenza, in Opere I, pp. 773–1025
  • Dessins: aquarelles, pastels, plumes et crayons, a cura di Delphine Lacroix e Alban Cersier, tr. Marina Rotondo e Fabrizio Ascari, Disegni, prefazione di Hayao Miyazaki, Bompiani, Milano, 2007
  • Manon, danseuse [1925], a cura di Alban Cerisier e Delphine Lacroix [2007], tr. Anna D'Elia, Manon, ballerina, Bompiani, Milano, 2008

14 commenti:

  1. Ciao, mi sono appena iscritta al tuo blog, che non conoscevo. Ho adorato il piccolo principe :-) e questo post è davvero molto interessante. Ho imparato qualcosina di più su questo autore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta!
      Grazie mille per esserti iscritta :)
      Sono felice che ti sia piaciuto questo post, e spero che verrai a trovarmi ancora ;)

      Elimina
  2. apprezzo molto questa scheda, uno dei miei libri preferiti in assoluto è sicuramente il piccolo principe, un libro a dir poco poetico!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, "Il Piccolo Principe" è proprio un libro poetico.
      Sono felice che ti sia piaciuto questo post.

      Elimina
  3. Ciao! Nuovo iscritto😊. Ti invito come lettrice fissa sul mio blog. Ho anche un profilo instagram: alfonso_bookblogger.
    https://libristoriaecultura.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto!
      Grazie davvero per esserti iscritto, con piacere passo sul tuo blog, invece instagram non lo uso.

      Elimina
  4. È uno fra i miei autori preferiti, penso che con il suo Piccolo Principe abbia regalato al mondo una favola indimenticabile e profondissima.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, "Il Piccolo Principe" pensa che io l'ho letto solo l'anno scorso e ne sono rimasta incantata :)
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. Adoro il Piccolo Principe! Un libro che è una vera poesia.
    Grazie per le notizie sull'autore.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, proprio vera poesia!
      Grazie a te per essere passata.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Ho il "Piccolo Principe" in diverse edizioni, molte estere.
    È un testo erroneamente definito per l'infanzia. In realtà, come dici tu, non ha età.
    Dovrebbe essere adottato dalle scuole perché insegna cosa sia l'amicizia, l'amore, la bellezza interiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, infatti anch'io sai che l'ho letto solo l'anno scorso perché pensavo che fosse una lettura per bambini... invece mi ha stupido e fa riflettere molto.
      E hai ragione, lo dovrebbero far leggere a scuola :)

      Elimina
  7. Ciao grazie per avermi fatto conoscere di più questo autore. Il piccolo principe è un libro che ho sempre amato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima che ti sia piaciuto questo post :)

      Elimina