Informazioni personali

La mia foto
"L'Imperatrice della Tredicesima Terra" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Aletti Editore Anche in formato e-book

lunedì 5 settembre 2016

FALLEN di LAUREN KATE

FALLEN
di
LAUREN KATE 


Genere: romanzo urban fantasy / young adult

Edizione: Mondolibri S.p.A., Milano su licenza RCS Libri S.p.A., Milano (2010)


Buongiorno lettori,
Ed ecco a voi la storia di Lucinda (o come la chiamano tutti Luce), una diciassettenne che a seguito di un misterioso incidete – del quale non ha una memoria precisa e dove perde la vita un suo amico – è costretta a essere rinchiusa nell’istituto correzionale (una sorta di misto tra collegio e riformatorio) di Sword & Cross. Telecamere di sorveglianza ovunque, nessun contatto con il mondo esterno, ragazzi dai passati oscuri – o per meglio dire spaventosi –, punizioni durissime (come detenuti indossano speciali braccialetti) e il suo senso di colpa è quello che l’accompagna là dentro.
Ciò che è positivo (più o meno) è l’incontro con Daniel, naturalmente un ragazzo bellissimo e misterioso di cui se ne innamora.
All’inizio lui cerca di tenerla alla larga, ignorandola e anche trattandola male (questo mi è piaciuto molto: un po’ di originalità ogni tanto, non subito amore a prima vista!... anche se poi in verità…), ma quando Luce si troverà in pericolo di vita accorrerà subito a salvarla… eppure la ragazza non ricorda di averlo già incontrato (anche se avverte una piccola sensazione di familiarità), di averlo già amato, di essere stata uccisa dal suo amore!
Forse vi ho rivelato un po’ troppi dettagli della trama, ma il bello di questa storia sta proprio nell’amore impossibile dei due giovani amanti. (attenzione perché qui di seguito vi rivelo parte del mistero della trama, se non volete saperlo passate oltre alla parte evidenziata in giallo) Luce e Daniel sono maledetti, si conoscono da sempre e ogni volta che si incontrano si innamorano… e ogni volta – a diciassette anni – Luce muore.
L’idea centrale della trama è davvero bella e originale… peccato per i personaggi: tutti (o comunque pochi esclusi) sono dei stereotipi già visti e rivisti dappertutto. Luce è la classica bella adolescente incompresa, con tutto il mondo contro di lei, che continua a fare un casino dopo l’altro e non spicca particolarmente in nessuna scena (anzi in certe mi sembra addirittura un po’ sciocca). Daniel è il personaggio maschile protagonista, bellissimo da morire (in questo caso per davvero!) che cerca di fare il duro, distaccato, ma in fondo innamorato pazzo di Luce e non aspetta altro di riabbracciarla anche se questo significa vederla ancora morire. Cam (l’amico) un altro bel ragazzo, solare, buono, che fa subito la corte a Luce, però nasconde un segreto e una fregatura!
Altro stereotipo è il classico triangolo amoroso tra i tre personaggi principali.
Personaggio davvero apprezzato è invece Arriane, non si capisce bene se sia buona o cattiva, ma comunque è ben descritta, completamente fuori di testa, e diversa dai soliti “attori” che si trovano nei romanzi. Peccato che non abbia un grande ruolo.
Per quanto riguarda la trama, come vi ho detto l’idea mi è piaciuta un sacco, purtroppo (a mio personalissimo parere) la storia doveva essere sviluppata ulteriormente. Incominci a leggere, ti avventuri nella vita della protagonista, nell’ambientazione di questo istituto (l’ambientazione è un altro elemento che mi è piaciuto molto), cerchi di capire i misteri, i perché e tutto… arriva il momento clou… e il romanzo finisce! Più che un romanzo è piuttosto una sorta di lungo prologo (infatti fa parte di una saga), dove non si spiega molto l’idea dell’autrice e dove rivela poco o niente, lasciando il lettore con mille domande e anche un po’ di delusione. Per più della metà del libro ci sono le descrizioni dei personaggi e dell’ambiente in cui si muovono, solo verso la fine si inizia a scoprire la verità (se così si può dire: infatti la si intuisce un po’ già dal prologo iniziale).
Nonostante questo è ben scritto, le pagine si susseguono velocemente, coinvolgendo abbastanza il lettore, soprattutto per le descrizioni un po’ gotiche e crea alcuni intrighi interessanti anche se non ci sono grandi colpi di scena (a esclusione del finale). Perfetta è l’aura di mistero che circonda i personaggi per tutto il romanzo.
Una lettura tutto sommato buona e leggera, ma non aspettatevi niente di più.

Buona lettura!


VOTAZIONE


TRAMA           
PERSONAGGI    
COPERTINA          
TITOLO           
SINOSSI         


Link per l'acquisto su Amazon

4 commenti:

  1. Io ho letto tutta la saga e devo dire che il primo, Fallen appunto, è quello che mi è piaciuto di più!
    Ho trovato originale l'ambientazione nel riformatorio e mi è piaciuto anche il mistero che si respirava nella storia.
    Gli altri libri cambiano completamente ambientazione e la trama si evolve in modo un po complicato a quanto ricordo e perciò non mi hanno conquistata del tutto.
    Comunque trovo davvero originale il tuo metodo per valutare un libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io ho letto tutta la saga (e piano piano, metterò le altre recensioni).
      Mi trovo d'accordo col tuo commento: l'ambientazione del riformatorio era molto bella, per gli altri diciamo così così, anche se la storia mi è piaciuta parecchio.

      Elimina
  2. Ciao, Ho amato Fallen dalla prima all'ultima pagina, figurati che in 5 giorni ho letto tutta la saga.
    Mi auguro escano tutti gli altri film in futuro!! ;)
    Se ti va di passare sul mio blog e di scambiarci le iscrizioni ti lascio il mio link - http://booksinwonderlands.blogspot.it/
    A presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      La trama in sé della saga di "Fallen" è piaciuta tanto anche a me, anche se il finale... boh, mi ha lasciata un po' così, mi aspettavo qualcosa di più. Prima o poi metterò le recensioni anche degli altri romanzi!
      Comunque mi sono già iscritta al tuo blog ;) Ti avevo lasciato anche un messaggio, chiedendoti, visto che su Facebook avevi detto che stavi cambiando la grafica, se cambiavi anche il banner, così lo aggiungevo al mio blog.

      Elimina